logoup2you
La formazione che ti sorprende
logoup2you
La Formazione che ti sorprende
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

Il Business Design a supporto dell'impresa

2022-04-04 08:54

Valentina Serri

Blog,

Il Business Design a supporto dell'impresa

Hai mai pensato di provare il Business Design per risolvere i problemi di sviluppo e governabilità dell'azienda?

3 minuti con Valentina Serri per parlare di come aiutare le imprese a risolvere un problema di sviluppo o di governabilità della crescita.


“Un business deve essere coinvolgente, deve essere divertente e deve esercitare il tuo istinto creativo.” (Richard Branson)

 

Quando usare il Business Design?

Il Business Design risponde all’esigenza di aziende che stanno cercando di rivedere il proprio modello di business:

  • aziende che non hanno abbastanza clienti,
  • aziende con una marginalità ridotta,
  • con un tasso di conversione basso o con una perdita di valore.

Parla anche ai bisogni delle aziende che hanno:

  • una domanda non governata,
  • una richiesta di sviluppo di business complessa,
  • bisogno di evoluzione organizzativa o di costruire una visione condivisa.

 

Business Design Vs Design Thinking

Il Business Design si rivolge a organizzazioni di PMI, a Corporate, ad aziende pubbliche e a associazioni non profit. Anche per le start up è adatto, con qualche variazione sul tema.

 

La prima domanda che ci possiamo porre è quale sia la differenza con il Design Thinking: il Business Design nasce dal Design Thinking, usa molti strumenti simili e ha un processo di divergenza/convergenza tipico anche del Design Thinking.

 

Le differenze primarie sono legate al fatto che mentre nel Design Thinking si parte dalla fase di empathize e si studia il processo as is per poi trovare delle soluzioni ai pain e gain del cliente,

nel caso del Business design, le fasi del Minimum Viable process hanno sempre la stessa struttura che è:

  1. Raccolta info
  2. Mappatura e formulazione di ipotesi
  3. Validazione presso il cliente
  4. Individuazione requisiti

 

La 4 fasi del MVP (in breve)

  1. Dopo un’accurata analisi della domanda, il primo step è il disegno del Modello di business. Lo strumento classico che si usa è il Business Model Canvas che determina una serie di informazioni molto importanti focalizzate sulla proposta di valore, i segmenti a cui è rivolta, le relazioni con i clienti e con i partner. In sintesi questo esprime cosa fa l’azienda, come lo fa e perché lo fa.
  2. La seconda fase è la mappatura dei clienti, con il focus sulle motivazioni che li spingono ad acquistare, le intenzioni di acquisto e gli ostacoli incontrati. Lo strumento è il Solution Design Canvas.
  3. Nella terza fase si mappa il processo di acquisto e l’esperienza del cliente, con il Customer Experience Canvas.
  4. Infine, nella quarta fase si lavora sulla messa a terra per creare un piano di azione.
postinsta-primos.png

Utilità: Beople ti aiuta con i suoi materiali

Beople è una società di consulenza che si presenta con l’obiettivo di innovare che significa cambiare il mondo, portando un contributo di innovazione. Ha costruito i modelli Canvas che sono ampiamente citati e molti sono i libri e i manuali che mette a disposizione.

Inoltre propone anche una certificazione come Business Designer, che stiamo prendendo anche noi di Up2you.

L’uso di questi modelli è davvero potente: noi di Up2you li usiamo talvolta anche in modo contaminato per aiutare i nostri clienti a riflettere sui temi di business e di organizzazione.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder